Agosto 2013 – Minorca

Credo che il mio amore incondizionato per la Spagna in generale e per le isole Baleari in particolare sia ormai cosa nota; è lì lì che se la gioca con il mio numero uno in assoluto: gli States !  🙂

Ebbene, Minorca, la seconda per estensione e la più tranquilla delle quattro isole, con un turismo più orientato a soddisfare le esigenze di famiglie e di coppie, si è decisamente aggiudicata nella mia personalissima classifica lo scettro di regina delle Baleari: un’isola da sogno, con scorci di mare che nulla hanno da invidiare ai fondali caraibici, spiagge stupende, porticcioli pittoreschi, il bianco delle case che contrasta con il blu del cielo e del mare cristallino. Non a caso è stata nominata Riserva della Biosfera: una natura mozzafiato è qui padrona incontrastata, con tutta la sua forza e il suo splendore. Si passa dalle bianche e lunghe spiagge al Parco Naturale, alle pinete, alle riserve naturali marine, alle grotte terrestri. Il tutto impreziosito da un mare dall’incredibile colore verde-azzurro.

Splendidi edifici, attraenti ville e misteriosi siti preistorici concorrono a rendere Minorca semplicemente unica e scintillante. L’Architettura araba e quella medioevale si sposano perfettamente nell’affascinante città di Ciutadella, l’antica capitale dell’isola posta nella parte occidentale. Da esplorare a piedi, Ciutadella è un posto completamente diverso da qualsiasi altro sull’isola: piccole piazze, palazzi sontuosi, antichi monasteri, chiese, gallerie d’arte, negozi, bar e ristorantii la rendono particolarmente affascinante. Imperdibile il porto vecchio che si trova sotto le mura della città vecchia e che di sera diventa un’appendice all’aperto dei numerosi ristoranti qui presenti, consentendo di cenare in riva al mare immersi in un’atmosfera resa incredibilmente romantica dalle torce accese sulle terrazze dei bar e dei discopub che circondano tutto il porto.

Ciutadela

Ciutadela

Il porto

Il porto

il porto in notturna

il porto in notturna

Ma veniamo ai suggerimenti pratici! 😉  Ho prenotato, come sempre con almeno un paio di mesi di anticipo e come sempre direttamente sul sito della compagnia aerea, i biglietti A/R da Milano Malpensa a Mahon (l’attuale capitale, posta all’estremità orientale dell’isola) con Easy jet (Euro 283,00 a testa, comprensivi di imbarco prioritario, scelta dei posti in prima fila e un bagaglio da stiva a testa). Sempre on-line (www.shuttlemenorca.com) ho acquistato i biglietti per il trasferimento in autobus da Mahon a Cala Santandria (Euro 21,00 a testa A/R per una cinquantina di chilometri, in quanto Mahon e Ciutadella si trovano esattamente agli antipodi), dove si trovava il nostro appartamento, al Club Cales de Ponent, prenotato sempre su Booking.com (Euro 1.600,00 totali x 2 settimane per un appartamento con cucina, bagno, due camere da letto e balcone, con pulizie e cambio della biancheria a giorni alterni, inserito all’interno di un bellissimo complesso di costruzioni a due piani, affacciate sulla piscina oppure sui curatissimi giardini, con una bella terrazza solarium arredata con lettini e ombrelloni gratuiti, zona connessione Wi-Fi gratuita, e possibilità di usufruire, ovviamente a pagamento, un bar e di un ristorante a buffet , che abbiamo provato un paio di sere in cui eravamo particolarmente provati dalla giornata e non avevamo voglia né di uscire a cena né tanto meno di cucinare e devo dire che, per il prezzo fisso di 15 Euro a testa, è davvero consigliabile, soprattutto la carne e il pesce grigliati al momento su richiesta!). Il club dista 100 metri dall’ottima spiaggia attrezzata di Cala Santandria, 10 minuti a piedi dal centro di Cala Blanca e 2 km circa da Ciutadella ed è ottimamente servito da numerosi minimarket, supermarket e discount nei dintorni.

Cales de Ponent - la zona piscina

Cales de Ponent – la zona piscina

Cala Santandria

Cala Santandria

Per i nostri spostamenti sull’isola abbiamo, come sempre, preferito lo scooter rispetto all’auto (anche se il costo in questo caso era addirittura maggiore!) in quanto ci consente maggiore libertà di movimento, non essendo vincolati alla disponibilità dei parcheggi nelle varie calette, che il mattino si esauriscono molto rapidamente.  Anche questa volta lo abbiamo prenotato on-line con l’ottimo servizio della compagnia locale Cooltra.com, che prevede consegna e ritiro direttamente all’hotel, al costo totale di Euro 450,00 per due settimane.

Anche stavolta abbiamo girato parecchio, ogni giorno alla scoperta di una nuova caletta e alcuni giorni addirittura una il mattino e una il pomeriggio, soprattutto quando siamo rimasti nei dintorni di Ciutadella. Le più belle, a mio avviso, si sono rivelate, nell’ordine: Cala en Brut, dove non c’è spiaggia, solo rocce terrazzate, acqua spettacolarmente trasparente e cristallina, circondata da rocce a picco sul mare che danno la sensazione di nuotare in un fiordo 🙂 ; per chi come me non si tuffa, c’è comunque la possibilità di scendere in acqua tramite apposite scalette in ferro tipo quelle delle piscine, attaccate  alle rocce per poter poi risalire.

Cala 'n Brut

Cala ‘n Brut

Cala 'n Brut

Cala ‘n Brut : che ve lo dico a fare…. il pazzo che si sta tuffando di testa dopo avermi assicurato che non lo avrebbe mai fatto è Dario … 😉

Poi Cala en Bosh, fondale azzurrissimo e trasparente come se si nuotasse in piscina, caraibica! 🙂

Cala 'n Bosch

Cala ‘n Bosch

E cosa dire di Macarella, e dell’impareggiabile Macarelleta, raggiungibile dopo una sessione di trekking a “scollinare” il promontorio che le divide ? 🙂

Macarella

Macarella

Macarelleta

Macarelleta

Senza parlare di cala Mitjana, per raggiungere la quale occorre una camminata di una mezz’oretta buona immersi nella pineta, e di Mitjaneta, che stavolta abbiamo raggiunto a nuoto per evitare un altro scollinamento… 🙂

Cala Mitjiana

Cala Mitjiana

Senza tralasciare Cala En Turqueta, Son Saura, Cala Blanca e, last but not least, la favolosa Son Bou, che con i suoi 3 chilometri di sabbia dorata è la spiaggia più lunga dell’isola, con un fondale che digrada moooolto dolcemente, ideale per chi viaggia con bambini.

l'acqua incredibilmente trasparente di Son Bou

l’acqua incredibilmente trasparente di Sou Bou

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...